Arredare le mini Case: vantaggi e svantaggi

Le mini case sono abitazioni di superfici molto ridotte (minimo 28 mq per una persona e 38 per due persone). Possono avere ciò che serve per vivere comodamente ma arredarle non è facile: serve tutto rigorosamente su misura. La nuova moda proviene dagli USA ma, certamente, l’idea è antica: fanno parte, infatti, della cultura di molte popolazioni, soprattutto in climi freddi; e di quelle realtà con una percezione degli spazi per vivere differente.

Cosa ci spinge a scegliere una mini casa

L’interesse e la voglia di provare a vivere in una mini casa, o addirittura costruirla da se,  sta aumentando non solo tra i più giovani ma raccoglie consensi in persone di tutte le età. Le motivazioni possono essere molte e delle più disparate e ognuno ha la propria, che può essere anche il semplice piacere di ideare, progettare, fantasticare, farsi costruire mobili su misura, ed infine avere un luogo proprio in tutto e per tutto.

La motivazione principale della scelta di vivere in una mini casa è quella economica. Ambienti ridotti richiedono minori spese per il riscaldamento e l’illuminazione. Inoltre l’economia di tempo per la pulizia ed il riassetto giornaliero ci permettono di dedicarci di più a altre attività. Ovviamente un aspetto negativo è la difficoltà nel preservare la propria privacy – se si vive in due – in uno spazio così ristretto o, ancora, le ristrettezze a livello di condivisione e ospitalità.

Casa e risparmio

L’ecosostenibilità non è più rimandabile

Non secondario, per la scelta di una mini casa, è l’impatto ambientale e la sostenibilità ecologica. L’utilizzo della tecnologia può aiutare molto in questo senso: i pannelli solari sono ideali per diminuire considerevolmente le spese elettriche e di riscaldamento, i mini depuratori permettono di processare le acque reflue e di immettere nell’ambiente acque non inquinate, ampie vetrate aiutano ad illuminare in modo naturale.

Casa ecosostenibie

Sapienza e maestria nell’arredamento

Di grande importanza, soprattutto se gli spazi sono così ridotti, è la capacità di arredare in modo organizzato e funzionale. Tutto deve essere al proprio posto e utilizzato al pieno delle funzionalità.

Non si può rinunciare alla comodità e la possibilità di passare dei momenti di relax su un comodo divano, accogliente e rilassante. Anche la zona notte, deve essere sapientemente studiata e incastonata in modo che sia, in qualche modo, separata dal resto degli spazi e più “intima”. La zona cucina ha sicuramente bisogno di soluzioni tecniche e tecnologiche più impegnative: qualche idea la offrono l’esperienza di camperistica e outdoor.

Gli elettrodomestici dovranno essere necessariamenteda incasso”, facendo massima attenzione al consumo di elettricità per non perdere parte i vantaggi che cerchiamo scegliendo una mini casa (elettrodomestici da scegliere e quelli da evitare).



Rispondi